LA TRANS E L'ATTORE FAMOSO - primo tempo - Venezia Trasgressiva

LA trans E L'ATTORE FAMOSO - primo tempo Questo racconto si basa su fatti realmente accaduti. Perciò, per non mancare alla parola data, i nomi e i luoghi precisi sono volutamente omessi. Ieri notte, in discoteca, tutte amike. Bacini, bacetti: "Ciao XXXXXXXX, come stai? Sei splendida...". Ma quando è entrato il super-ospite ******* *****, tutte addosso a lui per mangiarselo con gli okki. Invece, kissà perkè, io sono rimasta in disparte, ho bevuto qualcosa, ballato e flirtato un po' con un vekkio cliente. Dopo nemmeno due ore, gli ho kiesto di accompagnarmi fuori per fare due passi e siamo usciti dal locale. Non ero di buonumore e quando ha insistito per portami a scopare a casa sua, l'ho scaricato. Mentre col cellulare stavo kiamando un taxi, dietro di me è sbucata una makkinona bianca, si è fermata e ha suonato il clacson due volte. Ho subito preso dalla borsa lo spray al peperoncino e mi sono girata col cuore in gola. Si è abbassato il finestrino e al volante c'era lui, il super ospite ******* *****! - Ciao XXXXXXXX, ti ricordi di me? Posso darti un passaggio? "Ti ricordi di me?" E chi se lo sarebbe mai scordato? Era solo e ank'io ero sola, gli ho sorriso e sono salita. La verità è ke l'ho conosciuto già un anno fa, al Festival del Cinema di Berlino. Io accompagnavo un facoltoso regista francese e lui faceva promozione per le fiction TV di Mediaset. E' stata attrazione a prima vista. Molto sexy e sicuro di se stesso, mi ha accompagnato in camera. Non aveva ancora capito ke ero una trans. Infatti ha detto: - Forse è arrivato il momento di conoscerci meglio, non credi? - Penso ke sarebbe fantastico. Scommetto ke tutte le donne ti muoiono dietro... - Be', in effetti... ma non ho ancora trovato quella giusta... Bugiardo e bellissimo, ******* mi ha attirato a sè per la nuca e mi ha baciato con consumata abilità. Mentre mi leccava il collo, sentivo il suo respiro sul mio orecchio e l'altra mano che mi sollevava la minigonna. L'ho bloccato appena in tempo, allora mi ha sbottonato la camicetta e il reggiseno e si è tuffato tra le mie tette sukkiandole come un bambino. Poi si è spogliato esibendo il suo fisico perfetto e palestrato. Ero estasiata. Lui era completamente nudo, io avevo solo la minigonna. Mi ha spinto dolcemente sul letto e si è sdraiato dietro di me cercando nuovamente di togliermi la minigonna. Quando c'è riuscito, è scivolato sulle cosce fino alle mutandine e... sorpresa! Il mio corpo mi aveva tradito, e lui si è raffreddato rapidamente. - Sei proprio una stronza! Potevi almeno avvisarmi, no? Imprecando, si è girato dall'altra parte del letto, ma io l'ho accarezzato sulla schiena. - E lasciami stare... ke figura di merda! Sembravi la figa più bella del mondo e invece... Adesso ero io dietro di lui e, con una mano, lentamente, ho proseguito le carezze sul ventre, sulle cosce, sui testicoli, fino a sfiorare l'ano. CONTINUA

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI